[et_pb_section background_image=”http://www.almasabrosa.com/wp-content/uploads/2013/08/fondo.jpg” transparent_background=”off” allow_player_pause=”off” inner_shadow=”off” parallax=”off” parallax_method=”off” padding_mobile=”off” make_fullwidth=”off” use_custom_width=”off” width_unit=”on” make_equal=”off” use_custom_gutter=”off”][et_pb_row][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_post_title admin_label=”Titolo del Post” title=”on” meta=”off” author=”on” date=”on” categories=”on” comments=”on” featured_image=”off” featured_placement=”below” parallax_effect=”on” parallax_method=”on” text_orientation=”center” text_color=”dark” text_background=”off” text_bg_color=”rgba(255,255,255,0.9)” module_bg_color=”rgba(255,255,255,0)” title_font=”Metamorphous||||” title_font_size=”33px” title_text_color=”#ffffff” title_all_caps=”on” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” custom_css_main_element=”border: 1px solid #FFF;||background-color: rgba(0,0,0,0.6);||padding:30px;”] [/et_pb_post_title][et_pb_text admin_label=”Testo” background_layout=”light” text_orientation=”left” text_font=”Metamorphous||||” text_text_color=”#ffffff” use_border_color=”off” border_color=”#ffffff” border_style=”solid” custom_css_main_element=”border: 1px solid #FFF;||background-color: rgba(0,0,0,0.6);||padding:30px;”]

La Rumba (1878)

Con l´abolizione della schiavitù a Cuba i neri schiavi, si spostarono nella periferia dei paesi e delle città, dando vita ai Solares . Nei Solares si mescolano le distinte tribù africane portate a Cuba dagli spagnoli, con i bianchi salariati che lavoravano nei piccoli negozi. In questo ambiente apparve la festa collettiva e profana chiamata Rumba. Al suo inizio, gli strumenti utilizzati nella Rumba furono gli stessi mobili e utensili della casa o del lavoro. In poco tempo si passò a usare i Cajones (casse) e un cantante che inoltre suonava la clave. Poi i cajones furono sostituiti dai tumbadores. Questa struttura s´ingrandì con un esecutore che colpiva con due bastoni il corpo di legno : Cáscara. La Rumba cubana ha tre stadi differenti che si possono raggruppare in termini generali come segue: Diana – frammento melodico introduttivo senza testo; Décima – il cantante improvvisa un testo dove presenta il tema che da il motivo alla Rumba Rompe la Rumba – entrano gli strumenti a percussione, esce in pista di fronte ai musicisti una coppia di ballerini o un ballerino (nella Columbia) e il cantante evidenzia nel suo testo alcune frasi che saranno utilizzate come ritornello per il coro. Nella Rumba esistono tre stili, cioè:
La Columbia, Rumba rapida che è ballata da un solo uomo, consiste in movimenti acrobatici e convulsi, come nella bomba portoricana. Si crede che la sua origine risalga alle popolazioni dell´interno, in un antico casale di Matanza chiamato Columbia. Si coltiva a Cuba ma non ha seguito nel resto del caribe.
Il Guaguancó, lo stile più importante della Rumba si distingue per un gioco di attrazione e repulsione tra la coppia. L´uomo cerca di “vaccinare” (vacunar) la donna con movimenti pelvici possessivi mentre lei si copre per evitare la “vaccinazione” (vacunao).
Il Yambú, Rumba lenta in cui i ballerini fanno gesti tipici della vecchiaia, o la donna mima le virtù domestiche. Nel canto s´intercala la frase “nel yambú non si vacuna” per distinguere il modo in cui si deve ballare.

La Bomba (1800)

A Puerto Rico dal Ghana (piantagioni tabacco e canna da zucchero)
Maracas + 2 Bombas (1 ritmo costante+virtuosismi)
Stessa struttura della Rumba: lento – medio – veloce (passi sincopati)
Bomba + Calypso= Plena
Guaguancò + son = mambo, salsa cubana
Columbia + Bomba y Plena = salsa portoricana

 

Vedi il nostro Corso di Rumba Cubana

 

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]